Criteri per l'inclusione di beni nella Lista del Patrimonio Mondiale

Per essere inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale i siti devono avere valori di universalità, unicità e insostituibilità (nel caso andassero perduti) e devono soddisfare almeno uno dei criteri fissati dal Comitato per il Patrimonio Mondiale per la selezione.

I criteri per l'inclusione nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, definiti dal Comitato, si distinguono in sei criteri culturali e quattro naturali. Con l'adozione delle Linee Guide operative del 2005 esiste un unico elenco di criteri così strutturato:

Criteri culturali:

I. rappresentare un capolavoro del genio creativo umano;
II. mostrare un importante interscambio di valori umani in un lasso di tempo o in un'area culturale del mondo, relativamente agli sviluppi dell'architettura o della tecnologia, delle arti monumentali, dell'urbanistica o della progettazione paesaggistica;
III. rappresentare una testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa;
IV. essere un eccezionale esempio di edificio o complesso architettonico o tecnologico o paesaggistico che illustri uno stadio significativo o stadi significativi nella storia umana;
V. rappresentare un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale o di utilizzo del territorio che sia rappresentativo di una o più culture, specialmente se divenuto vulnerabile per l'impatto di cambiamenti irreversibili;
VI. essere direttamente o tangibilmente associate ad eventi o tradizioni viventi, a idee e credenze, a opere artistiche o letterarie di valore universale (il comitato considera questo criterio debba giustificare l'inclusione nell'elenco solo in casi eccezionali ed unitamente ad altri criteri culturali o naturali);

Criteri naturali:

VII. contenere fenomeni naturali superlativi o aree di bellezza naturale eccezionale e di importanza estetica;
VIII. rappresentare esempi eccezionali degli stadi principali della storia della terra, compresa la presenza di vita, processi geologici significativi in atto per lo sviluppo della forma del territorio o caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative;
IX. essere un esempio eccezionale di processi ecologici e biologici in essere nello sviluppo e nell'evoluzione degli ecosistemi terrestri, delle acque dolci, costali e marini e delle comunità di piante ed animali;
X. contenere gli habitat più importanti e significativi per la conservazione in situ delle diversità biologiche, comprese quelle contenenti specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione.

Linee Guida Operative: Criteri (§ 77)

http://whc.unesco.org/en/guidelines